basati su analisi biotecnologici avanzati

Necessitano di una conoscenza più profonda del paziente e perciò dell’esito di analisi avanzati come l’analisi del DNA, del microbioma o di allergie. La prima visita include anamnesi e definizione dell’obiettivo e test necessari. Inoltre, sono prelevati i campioni per l’analisi. Solitamente, il piano alimentare viene redatto solo dopo l’esito dei test (latenza che possa durare da 2 settimane a 1 mese), a meno che il paziente non abbia necessità urgenti. Saranno perciò date solo consigli migliorativi riguardo alla dieta abituale. La seconda visita include tutta la refertazione legata all’esito degli esami, spiegazione relativo al loro significato e indicazioni come migliorare la salute e fare una prevenzione attiva. Anche la lista di alimenti favorevoli e sfavorevoli, e combinazioni da evitare, insieme con una dieta su 10gg vengono illustrati. Visite successivi (di controllo con feedback quantitativo del paziente) sono comunque necessari per stabilire i bilanci energetici e nutrizionali effettivi e perfezionare ulteriormente il piano personalizzato.

Analisi del microbioma

Conoscere il proprio Microbioma per nutrirlo e creare la simbiosi Da tempo sono note i contributi che la microflora intestinale possa dare alla salute ma anche alle malattie. Con l’aiuto delle nuove tecnologie come lo screening genetico massiva, si è potuto costatare...

Test Nutrigenetici

La Nutrigenetica - Conoscersi fin dentro i geni per saper nutrirsi meglio. Oggi è possibile conoscere le variazioni genetiche che ci rendono tutti diversi ma che ci possono anche rendere più o meno vulnerabili verso diverse malattie, per la maggior parte...

WhatsApp chat